Chi Siamo

La stessa etimologia latina, “mustum ardens”, incuriosisce la mente prima ancora del palato spingendola ad addentrarsi in un mondo fatto di mosto d’uva, reso piccante dalla senape.

Secondo la leggenda la mostarda venne scoperta nel Medioevo e fu tutto un gioco del caso. Nella bottega di uno speziale un pezzo di melone cadde erroneamente in un barile ricolmo di miele. Ritrovato tempo dopo, il frutto risultò fresco e profumato come appena colto, sprigionando un gusto squisito.

chi-siamo-homepage

Dalla leggenda alla realtà cambiano le versioni ma resta la magia

La storia la vede comparire in molte opere classiche di autori latini, come base di accompagnamento per pietanze importanti. Il primo documento scritto “Mostarda de fructa per feste natalizie” risale al 1393 ed è attribuito a Galeazzo Visconti, Duca di Milano, ma la ricetta più antica preparata con frutta, senape e zucchero, senza il mosto, venne rinvenuta nel Belgio del XVII secolo.

Da quel momento in poi i ricettari iniziarono ad includerla come ingrediente principe, arrivando a rinvenirne, nel corso dell’Ottocento, fino a 93 varietà differenti. Della sua preparazione sono incaricati esperti farmacisti e droghieri, i moderni “speziali”.

La Nostra Storia

1900 – È solo nei primi anni del ‘900 che comincia la storia di Lazzaris e della sua mostarda.

Mescolando zucchero con mele cotogne, frutta candita e olio di senape, Luigi Lazzaris, ardito pasticcere di Conegliano Veneto, sperimenta una salsa dalle note profumate che conquista tutti i suoi clienti.

La sua fama impiega poco a estendersi fino ad arrivare alle grandi esposizioni internazionali di arte culinaria. Come una personalità degna di nota, questa composta dal gusto dolce-piccante venne incisa in ben 6 medaglie d’oro, diffondendo la qualità del marchio Lazzaris in tutto il mondo.

1922 – Al n. 37 di via XX Settembre si inaugura la prima piccola fabbrica per la produzione di Mostarda Veneta e Cotognata Lazzaris.

Una tradizione che si tramanda di generazione in generazione, da Luigi a Eriberto, da Claudio ad Alberto.

Passano le guerre, cambiano le sedi e il marchio si rinnova iniziando a sperimentare nuove tecniche e prodotti innovativi.

Dalla Mostarda Veneta a quella di Cremona e di Mantova, dalla Cotognata fino alle deliziose Salse di frutta da abbinare ai formaggi: un successo fatto di ricerca e innovazione continua, di nuovi accostamenti e lavorazioni all’avanguardia in risposta alle moderne esigenze del mercato. Ma, prima di tutto, un successo che nasce dalla qualità nella scelta dei prodotti, provenienti anche da coltivazioni biologiche.

I nostri valori

Di generazione in generazione, di prodotto in prodotto, tramandiamo i valori che da sempre ci contraddistinguono:

  • natura;
  • sostenibilità;
  • salute;
  • tradizione;
  • qualità;
  • gusto.

Per non perdere di vista la qualità e l’innovazione, restando fermi alle nostre radici.

La passione nei piccoli gesti