Itinerario Biologico in Italia

Una storia antica, quella della mostarda, che vedrebbe degli antenati già nel Medioevo per arrivare fino a oggi, con sapori e profumi che accompagnano le pietanze più diverse. Sin dai primi del Novecento Lazzaris ne propone la sua ricetta: mele cotogne, frutta candita e olio di senape, tutti di prima scelta, per un prodotto che da sempre si contraddistingue per la bontà e l’alta qualità.

Negli ultimi anni l’attenzione alla natura e al mangiare bene ha fatto sì che la cultura del biologico si diffondesse sempre più tra i consumatori: Lazzaris ha recepito questo bisogno e molti dei suoi prodotti vengono realizzati con materie prime bio. Non solo mostarde, ma anche confetture, marmellate e salse dolci-piccanti che nascono da processi del tutto naturali.

Che cosa significa biologico?

È necessario dare una definizione di “biologico” per capire il valore dei prodotti che possono essere definiti con questo aggettivo. L’agricoltura e l’allevamento biologici sono quelli che utilizzano nei loro processi produttivi e di lavorazione solamente preparazioni, concimi e predatori naturali, eliminando totalmente l’impiego di fertilizzanti e antiparassitari chimici. Di conseguenza, i prodotti che nascono da colture e lavorazioni bio non contengono dunque residui di materiali artificiali e risultano totalmente naturali.

 

Screenshot_1

 

Un pasto tutto biologico in Italia?

Mangiare biologico in Italia è oggi più semplice che mai, poiché i prodotti provenienti da agricoltura o allevamento bio sono sempre di più, qualsiasi sia la zona in cui ci si trovi. A seconda della regione in cui ci si trova ci sono naturalmente delle specialità locali da non perdere.

Qualche esempio? Si può partire dal Piemonte, per esempio: le Alpi e le loro valli ospitano le fattorie dove vengono prodotti i tipici formaggi erborinati Blu, di latte vaccino o di capra, preparati rigorosamente con latte biologico (e ottimi con la Confettura di Fichi Bio).

Anche il piatto emblema della cucina italiana nel mondo diventa biologico: la pasta. Dai tradizionali rigatoni ai fusilli, fino agli spaghetti: tutti i formati vengono prodotti in numerosi pastifici con farine tutte naturali, derivanti da semola di grano duro, integrale o non, farro e mais, coltivati in diverse regioni italiane (principalmente Umbria, Lazio e Sicilia).

Dalla Toscana alla Puglia per assaporare vini 100% biologici: le due regioni hanno ricevuto negli ultimi anni numerosi riconoscimenti per i prodotti enologici locali prodotti con uve bio e processi tutti naturali. Alcune famose specialità da non perdere per gustare prodotti biologici a chilometro zero quando ci si reca in territorio toscano o pugliese? il Vin Santo del Chianti, il Barricato Rosso di Toscana, il Ciliegiolo della Maremma per la prima, il Primitivo di Puglia Igp Bio o le varietà di Passito Igt.